Se nella tua vita non hai mai pedalato per più di 20 km e, un giorno, decidi di pedalare verso est fino a quando “il denaro o la pazienza si esauriranno”, per poi finire per tornare a casa arrivando dalla direzione opposta, dopo aver pedalato attorno il mondo, hai sicuramente una grande storia da raccontare, di quelle che alimentano i sogni e soprattutto le bevande in osteria.

Stiamo parlando di Jonathan Kambskard-Bennett, parte del team di Apidura, una delle aziende leader nel mondo del bikepacking.

Prima di lavorare per Apidura, ha trascorso tre anni in bicicletta percorrendo 50.000 km in tutto il mondo (per saperne di più https://jkbsbikeride.com).

“Nel gennaio 2015 ho lasciato Londra in bicicletta per vedere fino a che punto potevo pedalare verso est … A dicembre 2017 sono arrivato a casa dopo aver pedalato attraverso 42 paesi e 50.000 km. Ora sono tornato a Londra, quindi passo meno tempo in bici. Tuttavia, provo ancora a spingermi “più in là”, quando posso “.

Abbiamo fatto una chiacchierata con Jonathan, in attesa di incontrarlo al prossimo BAM !.

Quali sono le tue prime esperienze in bici? Che tipo di ciclista eri prima del tuo “grande viaggio”?

Sono cresciuto in bicicletta – ma non l’ho mai usata sul serio. Mia madre è danese, motivo per cui abbiamo usato le biciclette come famiglia per svolgere le nostre attività quotidiane: andare a scuola, andare nei negozi, ecc. Prima del “grande viaggio” non avevo mai usato la bici in altro modo. Non avevo mai corso per sport o per viaggiare. In effetti, dopo che la mia ultima bici è stata rubata, non ho nemmeno posseduto una bici fino a due settimane prima di partire. Non avevo mai pedalato oltre le 10 miglia, quindi sicuramente non ero un “esperto”!

Come è nata la decisione di partire e viaggiare per il mondo per 3 anni? c’è un momento che ricordi?

In realtà, non ho mai preso questa decisione, perché quando ho lasciato casa non avevo intenzione di andare in bicicletta per così tanto tempo o così lontano. Sognavo di andare in bicicletta fino in Australia, ma non avevo idea se sarebbe stato possibile, sia da un punto di vista logistico che finanziario. Decisi di pedalare fino a quando avrei finito i soldi o la pazienza. Ho scoperto che avevo una quantità illimitata di pazienza e che vivendo spendendo poco avrei potuto far durare i miei risparmi fino a Melbourne.

Andare in bicicletta in giro per il mondo per anni è più di un viaggio: guardando indietro, riesci a trovare l’essenza di questa esperienza?

Un grande viaggio è come un lungo libro con molti capitoli. Passi un po ‘di tempo all’inizio per trovare un ritmo. Alcuni capitoli sono delle vere e proprie giravolte, altri sono meno entusiasmanti. A volte ti è difficile smettere, ma poi perdi slancio e non lo riprendi per qualche giorno. Alla fine sei entusiasta di passare alla prossima parte della tua vita, ma triste per aver finito qualcosa in cui sei hai investito così tanto di te. Il bello di un lungo viaggio è il momento in cui godi il piacere di essere semplicemente lì dove sei. I giorni in cui ti senti fisicamente forte, mentalmente sicuro di abbracciare l’ignoto e certo abbastanza che nessun ostacolo sarà scoraggiante. Con questa mentalità, puoi concentrarti su qualsiasi cosa diversa dalla pedalata vera e propria. Puoi respirare l’ambiente circostante, goderti ogni nuovo paesaggio e concentrarti sulla comprensione delle persone e delle culture in ogni luogo diverso.

Quali sono le sensazioni, gli incontri e i luoghi che ricordi di più?

Sono gli incontri con gli individui e i paesaggi selvaggi che ricordo di più. Ho molti ricordi affettuosi di incontri casuali sulla strada e di estranei che mi hanno invitato a dormire. Penso che gli incontri che ho avuto in Iran siano ricordi particolarmente forti – non avevo idea di cosa aspettarmi quando entrai in quel paese, ma la prima notte mi sono fermato in un piccolo villaggio in cerca di un campo e sono stato accolto a braccia aperte. È stato lo stesso per il resto del mese, ovunque andassi e ogni giorno. Ci sono stati molti piccoli incontri casuali con estranei in tutto il mondo che hanno fatto di tutto per aiutarmi.

Qual è la differenza tra un viaggio e un’avventura?

Nessuna differenza! Solo quello che ne fai e come lo vivi. Qualsiasi giro in bicicletta può essere un’avventura se provi qualcosa di nuovo. Allo stesso modo, qualsiasi viaggio può essere una occasione per scoprire qualcosa di nuovo. Sta tutto nel tuo stato d’animo.

Qual è il tuo set ideale per un viaggio in bici medio? Quali sono i tuoi “essentials”?

Da quando sono entrato in Apidura ho ovviamente abbracciato la filosofia del bikepacking! Non ho fatto viaggi che richiedano così tanti bagagli, e inoltre mantenere le cose “minime” è un modo gratificante per affrontare i viaggi in bici. Il mio set ideale è una borsa full frame per mantenere bassi gli oggetti pesanti, il più possibile sul manubrio e una borsa sottosella più piccola. Da quando ho guidato il TCR lo scorso anno sono diventato un fan degli aerobars, quindi sicuramente non rinuncerei ad un “cockpit” tecnico! I miei “essentials” sono un filtro aeropress per il caffè del mattino, un cuscino per un sonno confortevole e alcune spezie (conservate in contenitori per le pellicole) per cucinare.

Ci suggeriscici 3 luoghi che ogni viaggiatore in bicicletta dovrebbe andare?

Innanzitutto, il tuo territorio: c’è sempre qualcosa di nuovo e speciale da trovare nella tua zona.

Le montagne: niente è più meraviglioso di superare un passo di alta montagna. Adoro le lunghe salite con enormi discese; con questo in mente, consiglierei le montagne che circondano il Tibet e scendono nella Cina meridionale.

I deserti: un deserto può farti sentire piccolo in un modo che nessun altro luogo può fare. Se non ti dispiace la solitudine, direi che più grande è il deserto, meglio è. Attraversare l’outback australiano è un posto che consiglierei a chiunque sia felice di portare con sé molta acqua e cibo!

thanks to APIDURA www.apidura.com